Quinoa

Perché inserire la quinoa nella propria dieta? Ecco tutti i benefici di questa pianta erbacea ideale per chi soffre di celiachia o vuole perdere peso.

"Chisiya Mama”, ovvero madre di tutti i semi”, originaria del Sudamerica, cresce rigogliosa sul territorio delle Ande .

Grazie al ridotto indice glicemico, la quinoa rappresenta una valida alternativa a pasta, riso, pane e cereali in generale senza rinunciare al gusto e le sue proprietà nutritive sono più affini a quelle dei legumi. Il suo sapore delicato ben si sposa con molte preparazioni, e per questo piace sia agli chef sia ai salutisti.

Non essendo una graminacea – al contrario del grano oppure del riso – la quinoa non è un vero e proprio cereale (viene definita “pseudo-cereale”) pur venendo considerato tale per l’alto contenuto di amido. L’elevato contenuto proteico e la totale assenza di glutine (l’ideale per chi soffre di celiachia) sono due tratti distintivi di questa pianta erbacea, che ha proprietà antiossidanti in grado di aiutare a proteggere non soltanto il cuore, ma anche il fegato, il Rene, i polmoni e il pancreas dallo Stress ossidativo">stress ossidativo.

I semi della quinoa contengono alte concentrazioni non solo di amido, ma anche di fibre (la pianta contiene Fibra insolubile, che è di grande aiuto nel migliorare il processo digestivo, facilitando i movimenti intestinali sani), proteine (la quinoa è una fonte di aminoacidi essenziali), calcio (importante per le ossa, il cervello e il sistema nervoso), magnesio (la sua assunzione fornisce benefici come il controllo dell’asma, nonché un minore rischio di osteoporosi e una migliore salute delle ossa). E ancora, di fosforo, ferro, manganese, rame, zinco, potassio, vitamine, tiamina, riboflavina, folato e vitamina B6, fitonutrienti, flavonoidi, kaempferolo, triptofano e quercetina. Senza dimenticare che nella composizione della quinoa sono presenti due aminoacidi essenziali importanti per il corretto funzionamento dell’organismo: lisina e metionina.